radiazioni-ionizzanti

Radiazioni ionizzanti in Medicina e D.Lgs. 101/2020

0 Commenti

Il corso “Radiazioni ionizzanti in Medicina e D.Lgs. 101/2020” propone una formazione mirata e attenta a fornire informazioni specifiche in questo campo.

Sei pronto a scoprire di più?

Con il termine radiazione si intende l’emissione e la propagazione attraverso lo spazio e la materia di energia a livello microscopico.
Si definiscono ionizzanti le radiazioni dotate di una quantità di energia sufficiente per “ionizzare” la materia che attraversano e determinare la creazione di particelle elettricamente cariche. Queste ultime provocano reazioni chimiche e biochimiche nelle molecole delle strutture cellulari dei tessuti attraversati, che possono danneggiare in maniera temporanea o permanente le funzioni delle cellule stesse e causare danni biologici.
Le radiazioni ionizzanti possono essere costituite o da particelle sub-atomiche (radiazioni corpuscolari), o da radiazioni elettromagnetiche (raggi X e raggi γ).

La radioprotezione è l’insieme di leggi, regole e procedure tese alla protezione della popolazione e dei lavoratori dagli effetti nocivi delle radiazioni ionizzanti.

Con il Decreto Legislativo n.101 del 31 luglio 2020 (D.Lgs. 101/2020), il Governo Italiano ha recepito la Direttiva Europea 59/2013 e ha abrogato il precedente D.Lgs 230/95 e smi (relativo alla protezione dei lavoratori e della popolazione) e il D.Lgs 187/00 (relativo alla protezione del paziente).
Questo decreto, come indica l’articolo 1, stabilisce norme di sicurezza al fine di proteggere le persone dai pericoli derivanti dalle radiazioni ionizzanti, e disciplina la protezione sanitaria delle persone soggette a qualsiasi tipo di esposizione alle radiazioni ionizzanti (quindi, sia all’esposizione medica dei pazienti, sia all’esposizione professionale dei lavoratori, sia all’esposizione della popolazione).

Il sistema di radioprotezione si basa sui principi di giustificazione, ottimizzazione e limitazione delle dosi.

Particolare rilevanza viene data alla formazione e aggiornamento delle figure professionali coinvolte, prevedendo anche per i medici di medicina generale e i pediatri di famiglia, l’obbligo di seguire corsi di formazione in materia di radioprotezione del paziente, limitatamente alle tematiche connesse ai criteri di giustificazione e appropriatezza, nell’ambito della formazione continua in medicina (art. 162, comma2).

Inoltre anche l’aggiornamento periodico in tema di radioprotezione viene riportato nell’ambito dei programmi di educazione continua in medicina (ECM) con l’obbligo di acquisire “almeno il 10% dei crediti complessivi previsti nel triennio per i medici specialisti, i medici di medicina generale, i pediatri di famiglia, i tecnici sanitari di radiologia medica, gli infermieri e gli infermieri pediatrici, e almeno il 15 per cento dei crediti complessivi previsti nel triennio per gli specialisti in fisica medica e per i medici specialisti e gli odontoiatri che svolgono attività complementare” (art. 162 comma 4).
Viene eliminata la formazione quinquennale prevista in precedenza.

Il corso proposto si sviluppa su 8 moduli e si pone l’obiettivo di fornire specifiche informazioni sulla radioprotezione e sulla ottimizzazione di procedure e tecniche nelle applicazioni di radiazioni ionizzanti in medicina.

L’organizzazione generale del corso e la scelta di relatori di elevata caratura provenienti sia dall’ambito ospedaliero/assistenziale che accademico, curata dall’Istituto Autorizzato Sofimed srl di Taranto, attivo da anni nel campo della radioprotezione e della fisica medica e dal sottoscritto, in qualità di responsabile scientifico, costituisce uno dei punti qualificanti del corso stesso.

Per maggiori informazioni sul corso e sulla sua composizione vi invitiamo di consultare questo link.

Un caro saluto e buon corso a tutti!

Lascia un commento

La tua email non sarà mostrata.